Condividi su facebook
Condividi su twitter
Durante il periodo di lockdowun maestre e bambini della quarta elementare di Ponterio hanno realizzato degli originali podcast
silvana raggetti

Viaggiare, anche se solo con la mente, grazie alla radio, e più precisamente grazie a un podcast ossia un contenuto radiofonico disponibile online che è possibile scaricare in qualsiasi momento e ascoltare quando si preferisce. Si chiama Radio Rio perché a realizzarlo sono i bambini delle classi quarte della scuola primaria di Ponte Rio ed è uno dei tanti risultati positivi della didattica a distanza: Radio Rio è nato infatti durante il lockdown. Gli studenti, insieme alle maestre, hanno riflettuto sul fatto che in questo periodo c’e bisogno di trasmettere dei messaggi positivi e di speranza per il futuro e con questo obiettivo hanno deciso di diventare degli speaker e di intrattenere il pubblico con piccole e divertenti puntate che parlano di un tema caro a tante persone, oggi più che mai: il viaggio.

“Stiamo a casa – spiegano gli studenti in una nota di presentazione della loro iniziativa – ma possiamo viaggiare in mille modi diversi con le parole, con la storia e con le storie, con la poesia ed esplorando paesi e culture diverse”. La classe è stata divisa in gruppi che si cimentano in varie attività e che danno poi vita a puntate diverse anche dal punto di vista del format: interviste, spedizioni virtuali, dibattiti su idee e argomenti di attualità. Un’attività quindi dall’importante valenza didattica. I bambini sono chiamati infatti a dare grande attenzione a quello che dicono, consapevoli che non ci sono immagini nella radio e che quindi l’ascolto è l’unico mezzo con cui il loro messaggio è destinato ad arrivare: la scelta delle parole da usare è dunque quanto mai fondamentale. Radio Rio è tuttavia anche un’interessante iniziativa mediatica in grado di regalare ai propri fruitori qualche minuto di intrattenimento e informazione, per mezzo di voci certamente “fuori dal coro”.

L’iniziativa è stata realizzata anche grazie al sostegno entusiasta della dirigente scolastica, Silvana Raggetti, la quale segue da vicino il lavoro di tutte le classi ed è quotidianamente impegnata nella supervisione e nello sviluppo della didattica a distanza. “Premesso che non esiste nessuna didattica, per quanto innovativa possa essere, che possa sostituire le attività che ogni giorno si svolgono nelle nostre classi – spiega la dirigente – la DaD ha portato dei cambiamenti sicuramente positivi. Le competenze digitali delle maestre, ad esempio, hanno fatto in pochi mesi dei progressi neanche immaginabili  fino allo scorso anno. Ma anche gli alunni si sono rivelati in grado di fare cose che hanno sorpreso le stesse docenti: hanno realizzato ebook, tutorial per i compagni, hanno saputo collaborare a distanza, hanno fatto attività laboratoriali guidati dalle maestre e molto altro. La Dad ha spinto alcune docenti a mettere veramente al centro dell’azione didattica i bambini, la loro creatività, la loro capacità di organizzarsi, di esprimersi e di collaborare. È quello che sono riuscite a fare le docenti delle classi quarte di Ponterio con il progetto Radio-Rio – continua Silvana Raggetti – una vera e propria radio in  podcast diffusa attraverso il sito www.spreaker.com. I bambini vestono le parti di intervistatori, di studiosi, di esploratori e ci introducono alla scoperta di territori, periodi storici, ambienti con grande impegno e preparazione. Una iniziativa che ha entusiasmato i bambini ed è stata accolta con grande favore e spirito di collaborazione dalle famiglie. Un impegno per il futuro: torneremo a scuola con gioia ed anche con la certezza che quelle competenze digitali che ci hanno permesso di ascoltare Radio-Rio e di continuare a fare scuola, seppure a distanza, continueranno ad essere promosse con determinazione e ad essere utilizzate come strumenti che ci permettono di mettere i bambini al centro della nostra azione educativa. Vi auguro buon ascolto di Radio-Rio”.

Questo il link al podcast, creato sulla piattaforma Spreaker: https://www.spreaker.com/show/radio-rio

Ogni registrazione può essere ascoltata online oppure scaricata su smartphone, tablet o pc.

condividi su:

Condividi su facebook
Condividi su twitter