Condividi su facebook
Condividi su twitter
La commissione valutatrice ha stilato la graduatoria della procedura di concorso, per l’individuazione del professionista che dovrà dirigere il museo regionale della ceramica e la pinacoteca comunale
Deruta_CeramicaCibo_2

Si è concluso l’iter della commissione valutatrice per la selezione pubblica dell’avviso di direttore del Museo regionale della ceramica e la Pinacoteca comunale di Deruta.  La commissione ha stilato, sulla base della procedura, la graduatoria di merito che è stata pubblicata, nei giorni scorsi, sull’albo pretorio.

Gli esiti di tale procedura sono stati approvati dal responsabile dell’area, Daniela Arcangeli e ora si procederà alla formalizzazione della nomina di direttore e quindi all’affidamento dell’incarico.
La graduatoria vede al primo posto Francesco Federico Mancini, a seguire Luca Pesante, Alessandra Cannistrà, Paolo Nardoni, Riccardo Freddo, Daniele Bernardini, Diego Cavallaro, Dominique Lora, Roberto Principe e Fabrizio Mosci.

“Ringrazio la commissione, formata da alte professionalità – afferma il sindaco, Michele Toniaccini – per l’ottimo lavoro svolto, a partire dal presidente Franco Cocchi, ampiamente conosciuto dalla comunità derutese ed esperto d’arte e ceramologo (nonchè direttore dell’Unità operativa complessa “Formazione e Sviluppo delle Competenze” Asl1 Roma); Lucia Arbace, storico dell’arte e direttore del polo Museale dell’Abruzzo; e Fabio Marcelli, ricercatore e professore di Storia dell’Arte presso il Dipartimento di Filosofia, Scienze Sociali, Umane e della Formazione all’Università degli Studi di Perugia. Come pure gli uffici comunali di riferimento: commissione e uffici hanno avuto un ruolo fondamentale nella concretizzazione di questo percorso.

Ora ci attende un’altra fase, quella della ufficializzazione dell’incarico. Si prevede la convocazione del primo classificato entro le prossime settimane. Si sta pensando anche alla presentazione del direttore Mancini alla comunità derutese, coinvolgendo tutta la cittadinanza e le Istituzioni locali e nazionali”. 

Il sindaco ribadisce anche: “Avrei potuto affidare direttamente l’incarico, invece, ho fatto la precisa scelta, di qualità, di procedere con l’avviso e di affidare a una commissione esterna, la selezione, per garantire massima trasparenza e correttezza, ma soprattutto per individuare le migliori professionalità che potessero accompagnarci nell’ulteriore potenziamento di questa eccellenza, il Museo, che ricordo essere patrimonio regionale e nazionale. Da questa scelta, che sono certo darà lustro al Museo e a tutta Deruta, non solo è stata individuata la figura del direttore, ma ne è scaturita una ulteriore opportunità, data dalla rosa dei nomi presente in graduatoria che è di altissimo livello. Sono risorse preziose di cui si può e si deve tener conto. Si è creato un pool di professionalità, alcune delle quali si sono dette  pronte a dare il proprio contributo per la crescita e lo sviluppo di Deruta e la diffusione  della cultura.
Ringrazio tutti i partecipanti all’avviso, che sono stati davvero tanti – 18 domande non è un numero irrilevante – con cui, mi auguro, di poter mantenere ottimi rapporti di collaborazione. Al direttore do, fin da ora, il mio benvenuto”.

condividi su:

Condividi su facebook
Condividi su twitter