Condividi su facebook
Condividi su twitter
La media Cocchi-Aosta ad indirizzo musicale ha rinnovato la convenzione con il Liceo Jacopone e sottoscritto un nuovo accordo con il Ciuffelli-Einaudi; il Sindaco Ruggiano: "l'iniziativa dei dirigenti dà vita ad un polo musicale di grande valore"
orchestra todi

“Valuto con grande favore la coesione degli istituti di istruzione secondaria di Todi che hanno in questi giorni rinnovato ed ampliato la convenzione per il funzionamento di corsi di strumento musicale in continuità tra le varie istituzioni scolastiche del territorio al fine di realizzare degli ensemble e un’orchestra giovanile stabile della città di Todi“.
A parlare è il Sindaco Antonino Ruggiano, a commento della sottoscrizione in data 30 dicembre di un accordo tra la Scuola Media Cocchi-Aosta, il Liceo Classico Jacopone e l’Istituto Ciuffelli-Einaudi finalizzato a conseguire un ulteriore ampliamento dell’offerta formativa musicale, con un percorso di apprendimento delle competenze tecniche, di interpretazione e di esecuzione per l’accesso ai corsi per il conseguimento del diploma accademico di primo livello impartiti presso i Conservatori.

L’iniziativa vede protagonista il nuovo Preside della Cocchi-Aosta Enrico Pasero, dirigente della scuola ad indirizzo musicale, il quale ha promosso e firmato un accordo pluriennale con il collega Sergio Guarente, dello Jacopone da Todi, e con Marcello Rinaldi, Preside del Ciuffelli-Einaudi. In realtà si tratta di un rilancio, di una fase due, dopo l’avvio di un percorso, avviato nel 2015, dall’allora dirigente scolastico delle Medie Silvio Improta e dallo stesso Guarente, al quale va riconosciuto quindi il ruolo di fondatore.
“Come dirigente del Liceo Jacopone – commenta il Preside Guarente – ritengo questa esperienza di grande valore formativo, con una proiezione importante per la crescita socio-culturale del territorio. In questi anni si è dato vita ad una realtà che ha assunto sempre più rilevanza propria, fornendo ai giovani una prospettiva, un orizzonte, un respiro culturale di reale spessore. Ogni anno sono tra i 30 e i 40 i nostri studenti che afferiscono all’orchestra, imparando che la musica è vita, è crescita, è senso di comunità”.

Le finalità, come detto, è quella di assicurare l’attivazione e il regolare funzionamento di corsi di strumento, quale estensione di quelli tenuti dai docenti della scuola media ad indirizzo musicale, e la costituzione di gruppi di musica di insieme e di un’orchestra giovanile stabile. Il centro di gravità resta la Cocchi-Aosta, alle cui attività il nuovo dirigente sta dando impulso e stimolo. Non a caso già nelle prime settimane di insediamento è stato presentato un progetto, anch’esso promosso in rete con le altre istituzioni scolastiche cittadine, che vede protagonista proprio l’orchestra musicale, strumento individuato come ideale per contrastare la povertà educativa e rafforzare l’identità culturale. “Siamo fiduciosi che venga finanziato – spiega – perchè consentirebbe di valorizzare ulteriormente questa esperienza, rilanciando l’azione di collante che può esercitare a favore della comunità scolastica tuderte, dove ho trovato dei colleghi capaci e determianti ed un ambiente fertile e collaborativo”.

“L’ammissione del Ciuffelli-Einaudi nell’Orchestra – sottolinea il Preside Rinaldi – è una tappa importante, perchè attraverso la rete tra le scuole medie e superiori della città si viene a dare vita ad un polo musicale che potenzialmente coinvolge tutti i ragazzi compresi tra gli 11 e i 19 anni e che è in grado di supportare progetti di coesione sociale. Per i nostri studenti la convenzione costituisce un ulteriore arricchimento dell’offerta formativa ed una grande opportunità di crescita culturale e personale”.

condividi su:

Condividi su facebook
Condividi su twitter