Condividi su facebook
Condividi su twitter
Presentato un bando regionale a sostegno del settore, con particolare  attenzione a giovani ed equilibrio di genere
galleria-teatro-concordia

Ha l’obiettivo di valorizzare gli attrattori culturali dell’Umbria attraverso l’offerta di prodotti e servizi innovativi per la loro fruizione culturale e turistica il bando per le imprese culturali e creative dell’Assessorato regionale alla Cultura che è stato presentato oggi nel corso di un webinar. Il bando, finanziato con il Programma operativo regionale del Fondo europeo di sviluppo regionale (Por Fesr) 2014-2020, si propone di sostenere le imprese operanti nei settori della cultura e della creatività, anche appartenenti a diverse filiere, favorendone la creazione, il consolidamento e l’individuazione di nuove direttrici di sviluppo. In questo quadro una particolare attenzione è stata rivolta a quelle imprese nella cui compagine societaria è rispettato l’equilibrio di genere o la cui prevalente conduzione è di giovani al di sotto dei 35 anni. 

Il bando, che mette a disposizione del settore un milione di euro, rappresenta uno strumento concreto ed innovativo a sostegno di soggetti che hanno subito una forte battuta di arresto a seguito della pandemia e che necessitano di azioni di consolidamento e rilancio in stretta connessione con la valorizzazioni degli attrattori culturali presenti sul territorio umbro (teatri, biblioteche, musei) ed in integrazione con i piani di valorizzazione del patrimonio regionale.

“Grazie all’attività di ascolto e di confronto che abbiamo avviato oggi – ha detto l’assessore regionale alla cultura Paola Agabiti aprendo i lavori dell’incontro – la Regione può acquisire sempre più informazioni e consapevolezza sulle reali necessità e priorità delle imprese umbre. Intendiamo infatti realizzare una reale e costante vicinanza con gli operatori per accompagnarne il percorso di crescita e di sviluppo, mettendo a disposizione tutti gli strumenti che possono rappresentare un valido aiuto e un sostegno efficace anche nel lungo periodo. In questo ambito i fondi europei possono e debbono essere utilizzati al servizio del territorio. Nelle prossime settimane pubblicheremo un vero e proprio pacchetto di misure pensato per il comparto cultura, turismo e spettacolo”.

I settori preferenziali di operatività, sebbene non esclusivi, riguardano le tecniche e gli allestimenti per l’arte e per lo spettacolo dal vivo; produzioni audio/foto/video; la conservazione, restauro e diagnostica dei beni culturali; le tecnologie applicate ai beni culturali; videogames e software; la riproduzioni di beni culturali e produzione di oggetti per il merchandising museale. 

Possono partecipare le micro, medie e piccole imprese, i liberi professionisti e quei soggetti che agiscono in regime d’impresa come associazioni e fondazioni.
Per informazioni sul bando (pubblicato nel Supplemento ordinario n. 7 al «Bollettino Ufficiale» – Serie Generale – n. 3 del 13 gennaio 2021 ).
Le richieste di ammissione alla agevolazione avverrà nelle prossime settimane attraverso una apposita piattaforma on line. 

condividi su:

Condividi su facebook
Condividi su twitter