Condividi su facebook
Condividi su twitter
Tre dei dirigenti uscenti hanno fatto richiesta di permanenza in servizio; Sergio Guarente, alla guida del Liceo Jacopone, chiuderà invece la carriera nel 2022
foto-preside-rinaldi-marcello

La notizia è ormai ufficiale. Sono 14 i dirigenti degli istituti scolastici dell’Umbria che andranno in pensione a partire dal 31 agosto di quest’anno. Tra loro c’è anche il tuderte Marcello Rinaldi, Preside da dieci anni dell’Istituto Ciuffelli-Einaudi. Il collega Sergio Guarente, alla guida del Liceo Jacopone, lascerà alla fine dell’anno scolastico 2022 (e non quest’anno come riportato erroneamente sulle pagine un quotidiano locale). Dei 14 uscenti tre hanno fatto domanda di permanenza in servizio, ipotesi che al momento sembra difficile verrà accordata, visto che vi è una lunga lista di attesa, quella dei dirigenti vincitori di concorso nel 2017.

Di nuovi dirigenti umbri che devono ancora essere collocati ve ne sono ancora proprio 14, ma l’incastro non è così facile, visto che lo scorrimento della graduatoria è su base nazionale e vi sono 19 Presidi che due anni fa hanno dovuto prendere l’incarico triennale fuori regione e che potrebbero quindi chiedere di rientrare. Soltanto in 3 vi sono riusciti lo scorso anno, tra questi anche Enrico Pasero, di origini amerine, alla guida della scuola media Cocchi-Aosta di Todi. Da giorni il possibile valzer delle nomine tiene banco nel mondo della scuola e del sindacato.

L’elenco dei Presidi pensionandi: Massimo Belardinelli del Primo Circolo Città di Castello, Angela Monaldi di Umbertide, Margherita Venuta Istituto Comprensivo Perugia 6, Nivella Falaschi I.C. Perugia Madonna Alta, Franca Rossi I.C. Perugia Valleceppi, Nadia Riccini I.C. Perugia Ponte Pattoli, Tecla Bacci I.C. Assisi I, Gabriella Bartocci I.C. Umbertide, Antonella Rivelli I.C. Acquasparta, Paola Cannavale I.C. Terni Campomaggiore, Rita Coccia ITIS Volta Perugia, Marcello Rinaldi IIS Ciuffelli-Einaudi Todi, Anna Maria Amici Isis Narni.

condividi su:

Condividi su facebook
Condividi su twitter