Condividi su facebook
Condividi su twitter
Il Partito Democratico ufficializza il sostegno all'idea di una consultazione popolare per scegliere l'impianto di risalita dal parcheggio di Porta Orvietana al centro storico
sdr

Il Partito Democratico di Todi ufficializza il proprio sostegno alla proposta di un referendum consultivo sulla scelta del nuovo ascensore di Porta Orvietana e “mette a disposizione le proprie energie ed il proprio impegno a favore di un percorso di coinvolgimento della cittadinanza il più aperto e partecipato possibile”. L’idea del referendum era stata lanciata nei giorni scorsi da Floriano Pizzichini, leader di Todi Civica. Il Pd, sposando l’iniziativa, chiede quindi che 2sia dia seguito alla possibilità di referendum consultivo previsto ex art. 48 dello Statuto del Comune di Todi, attivando fin da subito la competente commissione consiliare e procedendo celermente alla redazione del “Regolamento sulla partecipazione” che ne disciplinerebbe lo svolgimento”.

Nel comunicato diffuso il Partito Democratico confessa di “non rimanere granché sorpreso dalla concezione di democrazia del vicesindaco Ruspolini che, come dimostrano i quattro anni di mandato amministrativo fin qui svolti, scambia spesso e volentieri le istituzioni locali per una caserma e i cittadini per degli inferiori di grado. Dire, come egli ha fatto esprimendosi sulla contrarietà di numerosi cittadini tuderti al nuovo ascensore di Porta Orvietana, che le scelte spettano esclusivamente agli amministratori e che i cittadini potranno esprimersi al momento delle elezioni, bocciando o rinnovando il mandato alla giunta uscente, conferma quanto sopra”.

“Una discussione pubblica – scrive il Pd  – fatta di dati messi a disposizione dei cittadini e di scambi dialogici tra amministratori ed amministrati è quanto di più necessario per procedere a decisioni che, come il nuovo ascensore di Porta Orvietana, hanno un forte impatto su tutta la cittadinanza. Stiamo parlando di una scelta che segnerà il futuro di Todi, della sua mobilità e dell’accesso al centro storico, con le naturali ricadute del caso su residenti, attività produttive ivi insediate e flussi turistici”.

“La sordità dell’attuale giunta alle esigenze di ascolto dei cittadini tuderti è conclamata”, scrive il Partito Democratico. “L’abbiamo vista sul nuovo centro commerciale di Ponterio, sull’arredo di Piazza del Popolo e sul concepimento delle nuove restrizioni all’accesso al centro storico. Crediamo, ormai, che la misura sia colma e che non si possa procedere ancora una volta all’ennesimo blitz sulla pelle dei cittadini. Premesso ciò, dopo aver presentato alcune ipotesi alternative con tanto di progetti nemmeno prese in considerazione”.
In conclusione, il Pd tuderte auspica, vista “la già manifestata contrarietà verso questa scelta di numerosi titolari di attività commerciali ed artigianali del centro storico,  che anche Confcommercio, attraverso la sua presidente, possa prendere presto posizione in merito, vista la crucialità della questione in ballo”.

condividi su:

Condividi su facebook
Condividi su twitter