Condividi su facebook
Condividi su twitter
A luglio, a Todi, importante personale del Maestro di origini siciliane che scelse le campagne umbre per farsi ispirare: 40 sue opere saranno esposte nell'ex Abbazia di Montecristo
nino cordio

“L’opera d’arte più preziosa è la natura”: è il titolo della mostra che sarà ospitata, a partire da luglio, nell’ex Abbazia di Montecristo, oggi sede dell’Istituto Agrario. Celebrerà la produzione del Maestro Nino Cordio, artista che dai primi anni Ottanta scelse proprio le campagne umbre, fra Todi e Orvieto, come dimora alternativa a quella romana. La mostra di affreschi, curata da Arianna Bettarelli, prende il titolo da una sua citazione, presente in una lettera del ’93 e indirizzata al figlio Francesco, oggi affermato regista e autore di documentari.

Da tale scelta, non soltanto si evince la centralità del ruolo della Natura nella vita come nelle opere dell’artista, ma anche la volontà del progetto culturale di affiancare agli affreschi le parole di Cordio, in riferimento al proprio lavoro, al proprio rapporto con la terra e il paesaggio umbro. Quest’ultimo infatti, oltre a costituire il perfetto contesto per chi fugge dalle grandi città, come Nino Cordio da Roma, suggerì anche all’artista la sperimentazione della tecnica dell’affresco.

Così, percependo quel “tempo antico” che qui poteva respirare, sin dai primi istanti in cui si insediò nelle campagne umbre, Cordio iniziò a cercare – “su indicazione dei contadini” – delle fornaci abbandonate dove trovare calce spenta: “tesoro” che scoprì proprio nell’area vicina al fiume Chiugena. Cominciò allora l’attività di ripulitura del materiale lavorando “secondo la regola, dal levar del sole fino al calar della sera”. Ciò suggerisce una convergenza tra lo spirito a monte del processo tecnico-artistico di Nino Cordio – “necessariamente” a contatto con le materie prime dalla natura – e dell’uomo della terra: il contadino.

La convergenza etica e culturale tra la struttura ospitante (Istituto Agrario) e la produzione artistica, offre al progetto espositivo l’elemento fondamentale su cui strutturarsi in virtù di una reciproca valorizzazione. “Persino l’ubicazione e l’origine del complesso architettonico – scrive Arianna Bettarelli – giocano un ruolo funzionale alla buona riuscita dell’esposizione. Contornato dal verde e investito da una quiete al limite del sacro, l’ex Monastero di Montecristo si accorda perfettamente a quel silenzioso, contemplativo nonché quasi ritualistico rivolgersi alla Natura proprio di Nino Cordio. E tale elemento si manifesta sia nei suoi soggetti pittorici (nature morte, icone di vita rurale, animali o paesaggi) sia nella temporalità lenta e progettuale della tecnica dell’affresco: un tempo dell’ascolto e dell’attesa del rigoglio del proprio operato, non dissimile da quello del contadino”.

L’istallazione di una quarantina di affreschi all’interno delle aree del chiostro, dell’ex chiesa e della sala docenti, insieme alla relativa presenza di un apparato didattico in 5/6 pannelli, scandirà il percorso espositivo volto dunque – nell’effettivo – a giungere al credo esistenziale dell’artista. Ciò, in ultimo, unito alla necessità di rispondere al sempre più emergente e sociale ritorno alla Natura.

condividi su:

Condividi su facebook
Condividi su twitter