Condividi su facebook
Condividi su twitter
Il riconoscimento promosso da "Conoscere Eurasia" per stimolare l’interesse verso le opere del grande scrittore e filosofo russo nell’anno in cui ricorre il bicentenario della sua nascita
3

E’ tuderte “l’interprete di Dostoevskij”. Si chiama Elena Calistroni ed ha appena vinto il premio promosso da “Conoscere Eurasia” per stimolare l’interesse verso le opere del grande scrittore e filosofo russo nell’anno in cui ricorre il bicentenario della sua nascita.
La cerimonia di premiazione si è tenuta sabato pomeriggio al Centro Linguistico dell’associazione. La giovane tuderte è riuscita ad avere la meglio sui colleghi iscritti ai corsi di lingua russa. Elena ha ricevuto come premio un viaggio di quattro giorni a San Pietroburgo per visitare i luoghi legati alla memoria del romanziere e pensatore.
La prova a cui i partecipanti erano chiamati prevedeva la redazione di un saggio, in lingua italiana, sul tema “Il mio Dostoevskij” e un video in cui dovevano leggere, in russo, un frammento tratto da una delle opere dell’autore. La giuria ha premiato Elena Calistroni per la sua capacità di riassumere con precisione alcune caratteristiche della scrittura di Dostoevskij, riconducendole con naturalezza alla propria interpretazione di capolavori come “L’idiota”, “Delitto e castigo” e “Le notti bianche”. Ma è stata soprattutto la lettura di un passo originale de “L’Idiota” – in cui è emersa un’interpretazione intensa anche se pacata, condotta in un ottimo russo – a fare la differenza e a mettere d’accordo la giuria.

condividi su:

Condividi su facebook
Condividi su twitter