Condividi su facebook
Condividi su twitter
La serie con Stanley Tucci, che negli Stati Uniti ha raccolto grande successo, parlerà anche delle eccellenze gastronomiche umbre
tucci-pizza

Stanley Tucci, l’attore candidato all’Oscar e vincitore di Emmy e Golden Globe, sarà dalla prossima settimana  in Umbria per girare una puntata di “Searching for Italy”, la serie CNN ideata e condotta dallo stesso Tucci. Negli Stati Uniti il programma ha riscosso un grande successo di pubblico,  tanto da spingere i produttori a realizzare anche una seconda stagione. Lo comunica l’assessore regionale al turismo Paola Agabiti. 

Con questa serie Tucci compie un viaggio personale, spiritoso e appassionato nelle meraviglie regionali, non solo gastronomiche, alla scoperta dei sapori, profumi, personaggi della tradizione, per fare luce su segreti e delizie della cucina italiane.  L’attore celebra così le sue origini italiane e la sua grande passione per la cucina, per la quale ha firmato anche alcuni fortunati libri di ricette.

“Searching for Italy, una trasmissione che si è guadagnata il pieno apprezzamento di un pubblico così numeroso, sia americano che europeo, è per l’Umbria una straordinaria occasione di promozione – ha sottolineato l’assessore Agabiti. Gli spettatori italiani e stranieri potranno conoscere ed apprezzare il patrimonio enogastronomico umbro, accanto alle tante bellezze artistiche, paesaggistiche e storiche che definiscono l’indiscussa peculiarità della nostra regione – ha aggiunto. Le località e le aziende umbre scelte dalla produzione americana sapranno certamente offrire un quadro articolato e completo di ciò che l’Umbria, la sua gente e le sue tradizioni possono offrire.
Per l’Umbria e per il settore del turismo la puntata che ci vede protagonisti rappresenta un ulteriore tassello in quel lavoro di promozione che si affianca alle campagne di comunicazione attivate dalla Regione Umbria per sostenere la ripresa dopo la pandemia. Gli ottimi dati sul turismo che hanno caratterizzato in Umbria i mesi di agosto e settembre, con cifre anche superiori a quelle del 2019, ci dicono che abbiamo imboccato la strada giusta per tornare e crescere, sia sui mercati nazionali che esteri”.

condividi su:

Condividi su facebook
Condividi su twitter