Condividi su facebook
Condividi su twitter
1.500 gli iscritti, con l'80% di presenze da fuori regione, per una due giorni che ha coinvolto sportivi ma anche appassionati di bellezze paesaggistiche ed enogastronomiche
SR_premiazione 26 km

“Una delle wine trail più belle a cui ho partecipato”. Si è levato unanime e di apprezzamento il coro dei protagonisti della seconda edizione della Sagrantino Running, quella ripartenza dopo lo stop dello scorso anno.
Una edizione, suggestiva ed intensa, che sabato 30 ottobre con le prima iniziative e soprattutto domenica 31, con le gare, ha fatto tornare la Sagrantino Running nel cuore di tutti, sportivi e appassionati di bellezze paesaggistiche ed enogastronomiche. Un evento che ha infatti unito allo sport il piacere di correre nell’ambiente che contraddistingue le terre di questo storico vitigno come Bevagna e Montefalco. Al centro vigneti, cantine e paesaggi del Sagrantino, vero protagonista della due giorni che ha messo insieme enologia e running, territorio e sport. 

Sono arrivati nel centro nevralgico di Bevagna (sede delle varie partenze e arrivi), tra iscritti e accompagnatori, oltre 2.500 persone, con circa l’80% di iscrizioni registrate (1.500 in totale gli iscritti alle varie attività) provenienti da fuori regione e non solo, con presenze anche dall’estero (Spagna, Bielorussia, Norvegia, Cina, Lituania, Messico, Croazia Slovenia). Altrettanti quelli che sono rimasti fuori, un limite delineato dagli organizzatori per consentire lo svolgimento nel rispetto delle misure anti-covid ancora in corso.

Atleti corridori e sportivi, grandi e piccoli, insieme agli accompagnatori, famiglie e appassionati di camminate e di enogastronomia, hanno quindi composto il variegato pubblico di partecipanti che non sono voluti mancare a questa seconda edizione tanto attesa, per un evento che ha messo sotto i riflettori benessere, salute, paesaggio, cultura, arte ed enogastronomia. Molto ricco, infatti, il programma della due giorni.

Le due competitive trail-running di 26 km (La lunga) e 12 km (La corta) della domenica (900 iscritti) con partenza e arrivo a Bevagna sono state belle, faticose e divertenti, come si conviene a delle gare di trail. Sono state gare vere, una bella giornata di sole tra salite impegnative e discese insidiose, sentieri sterrati, strade bianche e parzialmente asfaltate, in uno scenario meraviglioso fatto di vigneti e uliveti con i colori dell’autunno. Con i runners che hanno corso anche passando al fianco delle botti dove il vino riposa e delle foglie rosse di sagrantino che proprio in questo periodo dell’anno assumono un particolare e unico colore che lo contraddistingue da altri vigneti.

A vincere la 26 km, con il tempo di 01:41:51 è stato Nicola Zibetti dell’Atletica Winner Foligno. Sempre della squadra folignate il secondo classificato, Federico Gemma. Terzo, Andrea Capoccia (Pietralunga Runners Asd). Per le donne, Veronica Del Grosso conquista il gradino più alto del podio (Asd Magic Runners Tagliacozzo) con 01:58:44. A seguire, Sara Di Prinzio (Asd Runners Chieti) e Chiara Bertino (Asd Podistica Torino).

Per “la corta” di 12 km primo è Fabio Conti, ancora per Atletica Winner Foligno (00:46:26), secondo Alessandro Inverni della Polisportiva Thema Energia Ad, terzo Giovanni Budroni (Asd Podistica Lino Spagnoli). Tania Palozzi (#Iloverun Athletic Terni) con 00:59:17 è prima tra le donne. Dietro di lei Laura Milanese (Atletica Aviano) e Giorgia Castelli (Olgiata 20.12 Ssdrl).

Per le classifiche finali, assolute e di categoria: www.icron.it/newgo/#/classifica/20211451 (12 e 26 km).

Ma la Sagrantino Running è stata inoltre anche il trail non competitivo (12 km) ed il sabato, sempre con partenza da Bevagna, anche la competitiva ‘Sagrantino running Kids’ con 150 atleti più giovani (una gara podistica rivolta a tesserati Fidal, EPS che ha coinvolto le categorie Pulcini, Esordienti, Ragazzi, Cadetti e Allievi) e una ‘Nordic Walking’ per i professionisti del trekking (60 iscritti).

Tutto ha avuto però inizio, sempre sabato, con la non competitiva ‘EnoGastroCamminata‘ (12 km) per appassionati e famiglie con partenza da Bevagna. Una ulteriore offerta, che ha avuto ulteriormente un grande apprezzamento da parte dei 350 partecipanti, per dare l’opportunità a tutti, podisti e non, di poter percorrere 12 km tra le bellezze paesaggistiche di questo angolo d’Umbria: una passeggiata e percorso enogastronomico tra vigne e cantine che ha permesso di degustare vini e assaporare prodotti umbri d’eccellenza.

Oltre all’aspetto sportivo, infatti, da sottolineare la bella e integrata promozione che è stata fatta anche del territorio. I vari passaggi hanno visto come scenario le più importanti cantine ed aziende vinicole della zona, tra cui l’azienda di Marco Caprai, la cantina della famiglia Borgese, l’azienda Antonelli San Marco, la cantina Colfalco, cantine Briziarelli, cantina Fongoli.

L’evento è stato realizzato dalla Athena ASD – realtà che nasce nel 2020 al fine di sviluppare azioni per promuovere e diffondere, in Umbria, iniziative sportive in grado di avere rilevanza turistica – con l’organizzazione tecnica affidata all’Atletica Sabaudia e patrocinato dai Comuni di Bevagna e Montefalco, con la preziosa collaborazione del Consorzio Tutela Vini Montefalco. Tra gli altri partner di questa seconda edizione ci sono il Mercato delle Gaite, La Cucina di San Pietro a Pettine, Visit Bevagna, CONI, FIDAL Umbria, Opes Italia, Storiecorrenti, Foto4Go, New Balance, Red Bull.

condividi su:

Condividi su facebook
Condividi su twitter