Condividi su facebook
Condividi su twitter
Il premio nazionale  per i Comuni più efficienti e sostenibili è stato consegnato a 18 Comuni italiani; la premiazione è avvenuta mercoledì 10 novembre a Parma
Consegna premio VIVI (3)

Nel pomeriggio di mercoledì 10 novembre il sindaco di Marsciano Francesca Mele ha ritirato a Parma, in occasione della 28ma Assemblea nazionale dell’Anci, il premio nazionale “VIVI – Premio territorio vivibile”. Il premio è stato assegnato al Comune di Marsciano, nell’ambito della categoria “Illuminazione Pubblica”, per il progetto innovativo di riqualificazione dell’impianto di pubblica illuminazione che il Comune ha avviato dal giugno 2019, nell’ambito di un project financing con la società Telux, a sua volta presente alla cerimonia di premiazione con l’ingegnere Roberto Trovati.

Il premio, alla sua seconda edizione, è promosso dal Gestore dei servizi energetici (Gse) ed è riservato ai Comuni italiani che si sono contraddistinti per interventi di efficienza energetica e sostenibilità ambientale. Oltre che per la categoria “Illuminazione pubblica”, i premi sono stati assegnati per la categoria “Patrimonio edilizio pubblico”, dedicata alla riqualificazione di edifici pubblici, e per la categoria “Parco impianti fotovoltaici: premio di incoraggiamento alla sostenibilità”. In totale 18 Comuni premiati (tra cui un altro Comune umbro, Sigillo) ai quali sarà proposto da Gse un percorso di assistenza sperimentale volto a sviluppare e testare nuovi servizi per la sostenibilità delle politiche di governo del territorio, dall’uso delle fonti rinnovabili alla mobilità sostenibile e all’informazione dei cittadini.  

“È un riconoscimento di grande importanza – sottolinea il sindaco Francesca Mele – perché certifica la bontà di una grande opera di riqualificazione ed efficientamento dei servizi di pubblica illuminazione che nel nostro caso vede lavorare insieme, in un project financing, la parte pubblica e quella privata in piena sintonia. I risultati di questa operazione sono un risparmio energetico di poco inferiore al 70% con un beneficio che agli aspetti ambientali unisce anche degli importanti risparmi economici a vantaggio di tutta la comunità. L’impegno profuso dell’area lavori pubblici del Comune, ed in particolare dall’ingegnere Francesco Zepparelli che questo progetto ha contribuito a costruire e avviare, e la capacità e affidabilità tecnica dimostrata della società Telux cui è affidata la gestione della pubblica illuminazione sul territorio comunale, sono i principali protagonisti di questo prestigioso risultato”.  

Il progetto, su tutta la rete di pubblica illuminazione presente nel territorio comunale, ha preso avvio a giugno 2019 nell’ottica di una maggiore sostenibilità e tutela ambientale, e si è concretizzato in un project financing promosso da Tetra Engineering e realizzato da Telux, società di scopo creata per la gestione del progetto e alla quale il Comune ha dato in concessione per 20 anni la gestione degli impianti di pubblica illuminazione. Telux, che si occupa anche della fornitura di energia elettrica, ha subito dato avvio agli interventi di adeguamento normativo ed efficientamento energetico su tutta la rete di illuminazione formata, prima della riqualificazione ed ottimizzazione, da 5.745 corpi illuminanti. L’intervento si è concretizzato nella sostituzione con nuove lampade a led e in una razionalizzazione. Inoltre, Telux sta garantendo non solo la manutenzione ordinaria della rete ma anche interventi di riqualificazione straordinaria con l’istallazione, ogni anno, di nuovi corpi illuminanti a led in tratti stradali precedentemente privi di illuminazione.  

I benefici derivanti da questo progetto sono molto significativi. Dal punto di vista dei consumi di energia si è passati dai circa 2milioni di KWh nell’anno che ha preceduto l’inizio del progetto ad un consumo, nell’anno successivo, di circa 640mila KWh, con una riduzione del 67%. 1.300.000 KWh all’anno risparmiati si traducono in una riduzione di circa 500 tonnellate annue di emissioni di CO2, ed equivalgono ad un risparmio di circa 246 tonnellate equivalenti di petrolio. Un traguardo decisamente significativo per un Comune di 18.600 abitanti. 

Proprio questi dati hanno permesso al Comune di Marsciano di essere uno dei tre Comuni italiani più performanti nell’efficientamento della pubblica illuminazione, avendo raggiunto 210 Titoli di efficienza energetica, misura che serve a quantificare il risparmio di energia conseguito e che è calcolata a partire dalle tonnellate di petrolio equivalente risparmiate. Il risparmio di KWh, a sua volta, si traduce anche, ogni anno, in un importante risparmio economico per le casse dell’Ente.  Confrontando i costi che il Comune avrebbe sostenuto nel 2021 per l’energia elettrica, e la manutenzione ordinaria e straordinaria degli impianti, qualora non avesse attivato il project financing, e quindi gli interventi di efficientamento, con i costi che effettivamente sosterrà attraverso i canoni corrisposti a Telux (comprensivi anche essi di costo energetico e manutenzione ordinaria e straordinaria), si evidenzia, per quest’anno, un risparmio di circa 170mila euro.

condividi su:

Condividi su facebook
Condividi su twitter