Condividi su facebook
Condividi su twitter
A rendere omaggio alla patrona anche delegazioni da Uzbekistan e Kazakistan; nel pomeriggio verrà scoperta la panchina rossa nell’ambito del concorso “Panchina Rossa – Stop alla violenza”
ceramica oltre confine deruta

A Deruta tornano i festeggiamenti per la Festa di Santa Caterina, dopo la pausa imposta dalla pandemia. Per giovedì 25 novembre è stato organizzato un fitto e ricco programma di eventi e di iniziative per celebrare la santa patrona dei ceramisti nel segno della tradizione, ma anche con un occhio rivolto al futuro, grazie alle relazioni internazionali e culturali promosse dall’Amministrazione Comunale di Deruta.

E così, accanto alla celebrazione religiosa prevista alle ore 17.30 nella Chiesa di San Francesco, nel corso della quale avverrà anche la consueta premiazione di una classe di artigiani (sarà la volta dei ceramisti nati nel 1947), nell’arco della giornata saranno numerosi gli appuntamenti che animeranno il centro storico di Deruta.

Il via alla festa verrà dato dal direttore della banda cittadina, schierata di fronte all’ingresso del Comune, alle ore 11 quando saranno intonati gli inni dell’Uzbekistan, del Kazakistan e, oltre che quello italiano, in segno di benvenuto alle delegazioni dei due Paesi in questi giorni in visita nella Città della Ceramica. 

Il sindaco Michele Toniaccini riceverà poi gli ospiti nella Sala Consiliare dove tra l’altro verrà sottoscritta una lettera d’intenti tra il governatore del Distretto di Rishdan (Uzbekistan), Sufkhonjon Soliev, e il primo cittadino derutese, a sigillo del percorso che le due realtà intendono intraprendere in vista del futuro  gemellaggio. La città uzbeka di Rishdan è uno dei più famosi ed antichi centri di produzione di ceramiche in Uzbekistan la cui lavorazione, secondo tradizione, fu introdotta nel XII secolo, potendo contare su un ricco giacimento di argilla di qualità nel sottosuolo. A cavallo tra il XIX ed il XX secolo quasi tutti in città erano ceramisti. Oggi ci sono circa 2000 artigiani che producono (con tecniche tradizionali o macchinari moderni) circa 5 milioni di pezzi l’anno. La tipica decorazione è costituita da linee blu e grigie dette iskor.

Nel pomeriggio, alle ore 15, presso i giardini comunali adiacenti l’arco di ingresso al centro storico, verrà scoperta la panchina rossa in ceramica denominata “Caterina”, realizzata nell’ambito del concorso artistico “Panchina Rossa – Stop alla violenza” dalla scultrice Margherita Grasselli. A seguire inaugurazione delle panchine di arredo urbano in Piazza dei Consoli, prodotte in collaborazione con i ceramisti di Deruta.

Alle ore 16 (ancora Sala del Consiglio Comunale) verrà infine presentato il progetto “Deruta il Paese delle Arti”, promosso dalla società di consulenza turistica Expirit, che insieme a Giacomo Andreani ha realizzato anche un video e un sito internet per la promozione della città.

condividi su:

Condividi su facebook
Condividi su twitter