Condividi su facebook
Condividi su twitter
L'Amministrazione Brugnossi ha dato il via al processo di certificazione dei prodotti tipici comunali
montecastellodivibio

Il Comune di Monte Castello di Vibio ha dato il via al processo di certificazione dei prodotti tipici comunali. La definizione di un progetto per la certificazione De.Co (denominazione comunale) di alcuni prodotti tipici e ricette tradizionali della Media Valle del Tevere, in particolare di Monte Castello di Vibio e Todi, è stata al centro di una conferenza che si è tenuta sabato 11 dicembre al Teatro della Concordia.

Dopo i saluti istituzionali di Daniela Brugnossi, Sindaco del Comune di Monte Castello di Vibio e Agnese Cerquaglia, Assessore del Comune di Monte Castello di Vibio, è intervenuto Antonio Andreani, docente dell’Università dei Sapori che ha parlato dell’importanza della De.co. volta a valorizzare ricette e prodotti locali. E’ seguita la presentazione di aziende partner del progetto Natura Cultura e Sentieri: Le sorelle biologiche, Letizia e Costanza Staffa; Cantina Iacopo Paolucci; Podere le Corone, Renato Nuccio ed Elvira Pascale. Erano presenti anche Elisabetta Guidantoni, assessore del Comune di Monteleone d’Orvieto, che ha condiviso con i presenti l’esperienza del marchio De.co. e gli obiettivi raggiunti e Fabiano Zazzera della Cantina Zazzera primo produttore impegnato nel recupero della pianta madre di Grechetto nero.

Le De.Co. (denominazioni comunali) o De.Co. (denominazioni comunali di origine) sono certificazioni del settore agroalimentare che hanno la funzione di legare un prodotto o le sue fasi realizzative ad un particolare territorio comunale. A differenza delle denominazioni protette a livello europeo, le de.co. vengono disciplinate a livello comunale e sono pertanto alla portata di iniziative di valorizzazione locale di prodotti e ricette tipici del territorio. L’iniziativa per la protezione del prodotto o processo tradizionale che si intende certificare De.Co, può quindi nascere anche da un gruppo di cittadini o di aziende produttrici, che si limitano a segnalare l’idoneità alla certificazione e l’importanza del prodotto o processo per la comunità. Attraverso la certificazione De.Co. il “prodotto territoriale” agroalimentare e/o enogastronomico acquista un’identità sul mercato.

 

condividi su:

Condividi su facebook
Condividi su twitter