Condividi su facebook
Condividi su twitter
Partono i cantieri per l’illuminazione del castello di Spina e l’efficientamento della scuola primaria di Schiavo; a Spina sarà sistemato anche il tratto di mura del castello
Iluminazione castello Spina

Sono tre i nuovi cantieri che prendono il via in questi giorni sul territorio comunale. Si tratta dei lavori di  efficientamento energetico della scuola primaria del quartiere di Schiavo a Marsciano, della riqualificazione della pubblica illuminazione del Castello di Spina e, sempre a Spina, del restauro di un tratto di mura esterne del castello di proprietà comunale che era rimasto escluso dagli interventi del Pir (Progetto integrato di recupero) seguiti al sisma del 15 dicembre 2009. Per tutti e tre gli interventi è stata effettuata lunedì 20 giugno la consegna dei lavori alle ditte che li eseguiranno.   

Gli interventi che interessano la scuola primaria del quartiere di Schiavo, per un ammontare complessivo di 145mila euro, sono finanziati con fondi europei POR FESR 2014-2020 e consistono in un sostanziale efficientamento energetico con isolamento termico del sottotetto, sostituzione di infissi e avvolgibili, installazione di sistemi di termoregolazione, realizzazione di un impianto di ventilazione meccanica con recuperatore di calore al fine di garantire il necessario ricambio d’aria dei locali e realizzazione di un controsoffitto nell’atrio principale, dove si affacciano le aule, con installazione di nuove luci a led più efficienti.

Il castello di Spina, ristrutturato a seguito del sisma del 2009, è invece oggetto dell’intervento per la realizzazione della pubblica Illuminazione, per un importo di 170mila euro, che permetterà la valorizzazione scenografica delle caratteristiche storico-architettoniche presenti. A questo intervento si aggiunge, a completamento della riqualificazione di tutto il castello, il restauro di un breve tratto, di proprietà comunale, delle mura castellane. In questo caso, i lavori, per un importo di 17mila euro finanziato con fondi del sisma 2009, prevedono la rimozione di parti in intonaco preesistenti, l’integrazione di parti murarie e interventi di stuccatura e rifinitura.  

“In questi primi mesi del 2022 – commenta l’assessore ai lavori pubblici del Comune di Marsciano, Francesca Borzacchiello – la partenza di lavori pubblici già programmati è stata ritardata a causa dei problemi conseguenti all’aumento dei costi delle materie prime, che hanno comportato la necessità di ridefinire, con le imprese assegnatarie dei lavori, importi e modalità di intervento. Amministrazione ed uffici comunali stanno lavorando per superare tali difficoltà e garantire la ripartenza dei cantieri e l’espletamento di gare per i lavori già finanziati. Entro la fine dell’anno, quindi, saranno una ventina i cantieri di importanti opere che si apriranno, per un ammontare complessivo di circa 3milioni di euro, tra cui l’acquedotto di Morcella, il recupero post sisma del cimitero di Spina, il completamento della messa in sicurezza di viale Tremblay en France a Marsciano e il rifacimento dell’asfalto nel primo tratto della strada che da Monte Vibiano Vecchio scende verso Mercatello”. 

condividi su:

Condividi su facebook
Condividi su twitter