Condividi su facebook
Condividi su twitter

L’ampio dibattito che in questi giorni sta animando la politica regionale sul tema della costruzione di un termovalorizzatore/inceneritore umbro, impone una seria riflessione anche nel nostro territorio. Questo alla luce dei numerosi articoli di stampa che, da tempo, ipotizzano la costruzione dell’impianto in un’area fra ” Todi e Perugia”, ventilando anche una presunta disponibilità del Sindaco di Todi, mai ufficialmente smentita.

Il fatto si rileva particolarmente delicato e complesso, tanto per l’impatto che l’opera può avere dal punto di vista ambientale, sociale ed economico sul nostro territorio, quanto per il duplice ruolo che Ruggiano, in qualità di Presidente di Auri, (l’autorità Regionale per i Rifiuti e idrica) svolge in relazione alla vicenda.

Le forze di opposizione e i rispettivi consiglieri sono quotidianamente sollecitate dai cittadini che, legittimamente, chiedono di sapere quale posizione abbia nel merito il Sindaco, la giunta e la maggioranza tuderte. Posizione che nelle numerose interviste rivolte al Sindaco da parte della stampa locale non emerge mai con chiarezza e soprattutto non esclude la volontà politica di trovare soluzioni sul posizionamento dell’inceneritore più adeguate di quella che prenderebbero in forte considerazione la zona industriale di Ponterio – Pian di Porto.

In questo senso i sottoscritti gruppi consiliari hanno chiesto formalmente al Sindaco Ruggiano la disponibilità a partecipare ad una iniziativa pubblica che verrà organizzata nella frazione di Pian di Porto entro la metà di novembre, al fine di affrontare con chiarezza e trasparenza la questione e di coinvolgere i cittadini tuderti e della Media Valle del Tevere in un percorso di partecipazione che, data la rilevanza del tema, diventa per noi imprescindibile.

condividi su:

Condividi su facebook
Condividi su twitter