Condividi su facebook
Condividi su twitter
L’iniziativa si è svolta lo scorso 25 gennaio ed ha permesso agli studenti dell’Università di Perugia di approfondire la conoscenza del processo di gestione dei rifiuti e delle tecnologie utilizzate
smart

Giovedì 25 gennaio gli studenti universitari del corso Indicatori Bioecologici (corso di Laurea Magistrale in Biologia) presso l’Università di Perugia, Dipartimento di Chimica, Biologia e Biotecnologie, accompagnati dal Prof. Enzo Goretti, hanno visitato l’impianto di gestione rifiuti di SIA ad Olmeto. 

Ad accoglierli sono intervenuti il Consigliere delegato Ing. Roberto Damiano e l’Ing. Alessandro Franceschini i quali, anche grazie alla visione di alcuni filmati, hanno illustrato il processo di gestione dei rifiuti, dalla raccolta alla separazione, fino al riciclo. La visita all’impianto ha permesso agli studenti di integrare le conoscenze teoriche acquisite in aula con una prospettiva pratica sul campo e osservare le varie tecnologie presenti oltre che apprendere le problematiche riguardanti lo smaltimento dei rifiuti, in particolare quelli degli allevamenti zootecnici. Tra gli argomenti approfonditi nel corso della visita anche le politiche e le normative vigenti in materia di gestione dei rifiuti e di sostenibilità ambientale.

 “Una esperienza – come ha sottolineato il professor Goretti nel ringraziare SIA per l’ospitalità – che ha consentito un importante approccio, non superficiale, verso le complessità delle problematiche inerenti la gestione dei rifiuti di un territorio”.  

“L’impegno per la sostenibilità ambientale – spiega l’ingegnere Roberto Damiano – e la gestione responsabile dei rifiuti è sempre stato al centro della nostra attività. Accogliamo con entusiasmo la visita degli studenti universitari presso il nostro sito, poiché riteniamo che l’educazione e la sensibilizzazione siano fondamentali per promuovere pratiche sostenibili nella società. Siamo lieti di condividere le nostre conoscenze e le buone pratiche con gli studenti, offrendo loro un’esperienza pratica che completerà il percorso accademico. Ringraziamo quindi gli studenti e il Dipartimento di Chimica, Biologia e Biotecnologie per la loro partecipazione, e siamo aperti a qualsiasi futura collaborazione con il mondo accademico e gli istituti superiori. Collaborare con le nuove generazioni è fondamentale per costruire un futuro più sostenibile, e siamo felici di essere parte di questo processo educativo”.

condividi su:

Condividi su facebook
Condividi su twitter